Approfondimenti

La nascita della Seta

Meister_nach_Chang_Hsüan_001

Non c’è nessun altro prodotto che possa vantare una storia così vasta, emozionante e talmente ricca di eventi come la seta, tradizionalmente la più preziosa delle fibre. Una storia che ha intrecciato i popoli e interi continenti, che ha arricchito e messo in moto i primi commerci tra Oriente e Occidente, e che ancora oggi desta stupore grazie alle sue innegabili qualità.

Una storia dall’origine incerta, che parte da lontano, circa 5000 anni fa nella Cina settentrionale, dove, quasi per incanto, un popolo si ritrovò dall’essere vestito di pelli animali, ad essere avvolto di cangiante seta. E come tutte le cose preziose, anche la scoperta della seta ha la sua leggenda, secondo la quale fu la leggendaria imperatrice cinese Hsii Ling Shih, moglie dell’ancora più leggendario Imperatore Giallo e primo dei cinque Ti, a scoprire nel giardino imperiale, in mezzo al gelseto del marito, un sottilissimo filo; la leggenda narra che l’imperatrice iniziò ad avvolgere il filo intorno al dito spinta dalla curiosità di capirne la provenienza e più lo avvolgeva, più avvertiva un tiepido calore che le permeava il dito. Fu a quel punto che vide il bozzolo da cui proveniva il filo e, poco più in là, i bruchi del Baco da seta intenti a mangiare le tenere foglie del gelso. Cosi capì, capì il collegamento tra il filo, il bozzolo e il Baco.

E’ cosi che nasce la prima forma di Bachicoltura, una tecnica che andrà ad evolversi in un continuo divenire di studi fino ai nostri giorni, intrecciandosi con le tecniche tessili dal quale si otterranno tessuti cosi leggeri da essere quasi inavvertibili sul corpo, tutto grazie ad un minuscolo insetto che fece dono all’ uomo delle ‘vesti divine’.

Erano infatti riservate esclusivamente all’Imperatore e alla sua ristretta corte i primi e preziosi tessuti di seta, provenienti dagli allevamenti selvatici del giardino imperiale, la cui cura e gestione era riservata all’Imperatrice e alle sue dame di corte.

Grazie a pene severissime il segreto fu gelosamente custodito all’interno dei confini del celeste impero per più di venti secoli.