Press Area

Comunicato Stampa del 15/11/2014

ENR_2974

Rinasce in Veneto la via della seta


Dopo 40 anni rinasce in Veneto la via della seta: i protagonisti dell’ambizioso progetto sono Giampietro Zonta e Daniela Raccanello dell’azienda orafa novese D’orica che insieme al CREA-AA di Padova (ex Crea-Api) e a tre cooperative sociali venete hanno ridato vita alla filiera della seta.

Un progetto speciale presentato lo scorso 15 novembre a Marostica dalla nuova rete d’imprese Energitismo alla presenza di Elena Donazzan, assessore al Lavoro e all’Istruzione e alla Formazione della Regione del Veneto.

La conferenza stampa è stata ospitata all’interno del suggestivo spazio espositivo 60 Gobbe a Marostica, ricavato dal recente restauro di un vecchio mulino del ‘400. Sono intervenuti Claudia Bettiol, fondatrice e presidente di Energitismo e il giornalista e scrittore Alessandro Zaltron.

L’idea della rinascita della via della seta nasce dall’obiettivo di ricreare una seta etica 100% italiana per produrre una collezione unica e originale di gioielli in seta e oro.

La scorsa estate – spiega la designer di gioielli Daniela Raccanello – ho disegnato una nuova collezione di gioielli ricercando un filato che avesse la stessa preziosità ed eleganza dell’oro. Insieme a mio marito Giampietro abbiamo individuato nella seta la perfetta sinergia con la produzione dei nostri manufatti ma doveva essere una seta Made in Italy per essere in linea con i nostri valori aziendali.

A tal scopo è stata rimessa in funzione una filanda industriale del 1971 – una macchina per la trattura ovvero per il processo che trasforma il bozzolo in seta grezza – unico esemplare italiano funzionante che permette la sperimentazione, attualmente in uso a Castelfranco Veneto, grazie al prezioso contributo del tecnico esperto Aldo Roncato e dall’ingegnere dell’automazione Salvatore Gullì.

Inoltre, determinanti per la concretizzazione del progetto sono stati i contributi del CREA-AA di Padova (ex Crea-Api), centro d’eccellenza, unico in Europa occidentale, a sostegno della bachicultura, due cooperative sociali trevigiane (Campoverde di Castelfranco Veneto e Ca’ Corniani di Monfumo) e una bellunese (Cantiere della Provvidenza) che si occupano di gelsicultura e bachicultura.

Ci teniamo a precisare – afferma Giampietro Zonta – che siamo riusciti a ricostruire l’intero ciclo produttivo per rilanciare le nuove produzioni di seta etica 100% italiana. Uso l’aggettivo “etica” perché rispetta e valorizza il lavoro delle cooperative sociali.

Il primo prototipo è stato presentato di recente a Dubai: sono partiti da Nove come dono di nozze un gioiello in seta e oro e la tradizionale bossa bufona, realizzata dai maestri ceramisti.

Un ringraziamento speciale – afferma Claudia Bettiol, presidente di Energitismo – va a Silvia Cappellozza, direttrice del CREA-AA di Padova, e ai suoi collaboratori, che fin da subito hanno creduto in questo particolare progetto. Sembra un sogno ma questo è quello che accade quando degli imprenditori “illuminati”, dei maestri artigiani e degli artisti uniscono la loro creatività per realizzare raffinate produzioni di altissima qualità.

Ci piace l’idea – precisa la dottoressa Bettiol – di creare continue sinergie fra professionisti di alto livello per ottenere come risultato delle creazioni speciali e uniche nel loro genere.

ENR_3463 ENR_3383 ENR_3197 ENR_3196 ENR_3150 ENR_3130 ENR_2974 ENR_2989 ENR_3034 ENR_3042 ENR_3112 ENR_3115 ENR_2969 ENR_2967 ENR_2965 ENR_2876 ENR_2859 ENR_2858 ENR_2807 ENR_2811 ENR_2818 ENR_2839 ENR_2843 ENR_2846 ENR_2806 ENR_2804 ENR_2789 ENR_2773 ENR_2758 ENR_2727 ENR_2723 ENR_2708 ENR_2684